9 C
Roma
mercoledì, 7 Dicembre, 2022
Home Eventi Mostre Nel segno della libertà. occupo un piccolo spazio del mondo, ma non l’ho delimitato

Nel segno della libertà. occupo un piccolo spazio del mondo, ma non l’ho delimitato

L’iniziativa nasce per dare voce, attraverso l’arte, ai sogni di giovani detenuti minorenni collegando i loro pensieri alle riflessioni sulla libertà e sulla dignità della pena dei padri fondatori dell’Europa.

Un progetto espositivo nato nel contesto del Progetto di recupero del carcere borbonico di Santo Stefano/Ventotene, coordinato dalla Commissaria straordinaria di governo Silvia Costa, ideato e organizzato dagli Istituti di Cultura dei Paesi UE in Italia (EUNIC-Cluster Roma) e dall’Istituto Centrale per il Restauro, con il sostegno della Rappresentanza in Italia della Commissione europea e in collaborazione con gli Archivi Storici dell’Unione Europea e il Ministero della Giustizia.

Supportato dall’Ufficio di rappresentanza in Italia della Commissione Europea e promosso dal Commissario straordinario per il recupero del carcere borbonico di Santo Stefano/Ventotene Silvia Costa, il progetto artistico vede la collaborazione delle rappresentanze diplomatiche di sette paesi europei: Bulgaria, Fiandre, Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Turchia, del cluster EUNIC.

Cecilia Casorati, Direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma, è la coordinatrice artistica.

Una chiave nuova per uno storytelling capace di valorizzare l’importanza della libertà proprio a partire da quei contesti in cui essa è negata, e che unendo sensibilità a speranza arrivare a diffondere un messaggio emotivo di grande impatto grazie all’intervento dei giovani artisti, uniti dalla visione di una Europa basata sui diritti e sulla dignità della pena.

Per prenotare un posto clicca QUI

Tags: ,

Data

12 Nov 2022 - 10 Dic 2022
In corso

Location

Istituto Centrale per il Restauro
Via di San Michele, 25
Categoria